frasi geniali

  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • >

Trova l’errore…

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Errorino scovato su di un cartello, posto all’interno di un parco pubblico.

Nulla di gravissimo, ma, più che altro, un classico errore di distrazione.

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Voce del verbo ehssere!

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Ieri è stata la classica domenica-relax: piscina, birretta, gazzeta (comprata dal socio perché io la gazzetta non la compro) e sole a volontà.

Leggendo qui e là, mi imbatto nell’articolo di cronaca della presentazione di Buffon quale nuovo testimonial di una nota poker room internazionale.

Bene.

Leggo.

Scopro l’esistenza di un nuovo verbo, il verbo ehssere!

Geniale!

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Ha piovuto o è piovuto?

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Che dilemma! Dopo quasi un mese di pioggia ininterrotta, un dilemma ha sconvolto la mia giornata: si dice “ha piovuto” o si dice “è piovuto”?

Se devo dire che stanotte c’è stata molta pioggia, che dico? Stanotte ha piovuto molto? Stanotte è piovuto molto?

Il dilemma, in realtà, è stato indotto da una mia carissima “amica”, ma questo non significa che mi debba esimere dal cercare di darmi (e darle e darvi) una risposta.

Vediamo un po’…

pioggia

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Uischi? chi?? Wiscky?

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Anche questa volta, un altro grande classico: come si scrive whiskey? Il tanto bevuto coca-jack, con che cosa lo fanno? Con l’uischi?

Ma noooo, con lo whiskey, parola che, ammetto, pure io non ricordo mai come si scrive. A pronunciarla son capaci tutti, ma a scriverla quasi nessuno. Pure io ho dovuto andare a vedere come si scrive e, per evitare errori, sono andato direttamente sul sito del buon vecchio zio Jack.

Ricordo percò che non si scrive come l’ho trovata scritta in questa lista.

Nulla di grave, ma la risatina ci scappa.

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

10 domande a Vittorio Zucconi. Mi dispiace, ma… ncs! Non-Ci-Siamo!

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail

Vittorio Zucconi, direttore di La Repubblica.it

McRemo

Chi è il più importante “chef” del mondo, Ferran Adria che nel suo ristorante “El Bulli” inventa manicaretti che un gruppetto di facoltosi creduloni volano in Spagna e prenotano con sei mesi di anticipo per assaggiare, come fosse un’udienza dal Papa? O Daniel Coudreaut, responsabile del menu da McDonald’s, che decide che cosa servire a milioni di persone ogni giorno, da Mosca a Tokyo? Attenzione: non ho chiesto chi sia il “più migliore”, chi sia il più bravo, raffinato o ammirevole. Ho chiesto chi sia il più importante, il più influente. Possiamo fare gli schizzinosi (io ho visto l’ora finale, con i Carabineri che eseguono l’inno nazionale di Guerre Stellari e con la vittoria di una melensa canzoncina scelta soltanto per evitare l’onta di dare il premio al pupo di Savoia) davanti alla desolazione e allo squallore che da quel palcoscenico, e dalla platea di tromboni di Stato, emana, ma poi ha purtroppo ragione Paolo Garimberti, il Presidente Inesistente come avrebbe scritto Calvino, quando dice che “l’Italia è quella che guarda il Festival”. Lo è. Si vendono più hamburger che tartufi e chi controlla il sapore dell’hamburger controlla i gusti del mondo. E prende il potere. Dire “io non mangio quelle schifezze”, “io non guardo quegli orrori” non cambia nulla, come nulla cambia votare per il partitino della Verità Vera o crogiolarsi dentro un blog di buongustai indignati fra di loro perchè altri mangiano polpette di frattaglie fritte. Fino a quando i consumatori di polpette non capiranno che quelle polpette sono avvelenate, e non si proporrà un’alternativa più sana, più gustosa ed economica, vinceranno sempre le polpette. Berlusconi e la Lega sono i “Big Mac” della politica, fast food per il cervello.

Ho riportato l’articolo integrale.

La sorgente è questa: http://zucconi.blogautore.repubblica.it/2010/02/21/mcremo/

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+StumbleUponPinterestLinkedIntumblrEmail
  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • >

Amazon.it

cool hit counter